Valzer, Mazurka & Polacca al pianoforte – Teoria ed Esempi

Oggi parliamo di tre forme musicali: valzer, polacca e mazurka.
Ho deciso di metterli tutti in un unico video per due motivi: 

  1. Tutti e tre derivano dalla danza, quindi hanno un’origine comune
  2.  L’esponente numero uno per queste forme musicali nella musica pianistica è per tutte e tre Chopin

Il Valzer al pianoforte

Cominciamo dal valzer. Si tratta di una danza in tempo ternario, solitamente con il classico accompagnamento “zum pà pà”.
Nasce e si diffonde verso la fine del ‘700 in Austria e Germania meridionale, per poi avere successo un po’ dappertutto in Europa, per le melodie e i ritmi piacevoli, ma anche perché dava la possibilità ai ballerini di danzare in coppia stando molto vicini, cosa che prima era assolutamente vietata per gli standard rigidi del tempo.

Nell’ambito delle sale da ballo ebbe un boom di popolarità con Strauss e Lanner e migra poi alle sale da concerto con il nostro Chopin,

L’ho già detto diverse volte, ma va ribadito anche qui: Chopin si discosta sempre dalle finalità e dal concetto che c’è dietro alle forme musicali.
I valzer di Chopin non hanno più nulla a che fare con il ballo, ne prende in parte le caratteristiche strutturali e le inserisce in un pezzo anche tecnicamente complesso che va fruito solo all’ascolto

Scrisse 20 valzer, alcuni pubblicati singolarmente, altri raccolti in piccole opere.

La struttura del valzer

La struttura del valzer chopiniano varia da pezzo a pezzo, troviamo sempre diverse sezioni contrastanti per carattere e tonalità, ma queste non si susseguono mai in un ordine riconoscibile.

Nel video puoi ascoltare per esempio le sezioni in contrasto di uno dei valzer più famosi di Chopin.

Il valzer in orchestra

Molti autori hanno scritto musica sinfonica in forma di valzer, a partire da Haydn, Beethoven, Weber, e in ambito operistico, troviamo valzer nei balletti di Ciajkovskij e nelle opere di Verdi, come il famosissimo “Libiamo ne’ lieti calici” di Traviata.

1. Valzer

Clicca qui se non vedi il pdf

La Polacca al pianoforte

Anche la Polacca è una danza in tempo ternario, che però ha un carattere più maestoso e cerimoniale. Chopin era nato in Polonia e vi ha vissuto fino a vent’anni, per poi trasferirsi a Parigi e rimanerci per il resto della vita. Affezionato senza dubbio alle sue origini, comunque non ha mai manifestato profondi sentimenti patriottici. Solo nel caso delle polacche e delle mazurche troviamo riferimenti e stilizzazioni alla sua cultura originale

Il primo pezzo in assoluto che Chopin compose fu proprio una Polacca, all’età di 7 anni. 

In totale, ne scrisse 17, alcune pubblicate solo dopo la sua morte. 

2. Polacca

Clicca qui se non vedi il pdf

La Mazurka al pianoforte

Sempre in tempo ternario, anche la Mazurka nasce come danza. Le sue origini sono polacche e, nel corso del ‘700-’800 si diffonde in tutta Europa, dove trova grandi consensi.

La danza è molto semplice formata da una melodia di frasi brevi e regolari esposte da un’antica cornamusa, accompagnate da un bordone alternato di tonica e dominante.

Come nel valzer e nella polacca, anche qui, Chopin prende la forma musicale e la porta nelle sale da concerto, non più nelle sale da ballo. Inoltre, evita sempre le citazioni di temi popolari specifici, ma comunque trasferisce nei suoi pezzi molti tratti stilistici della mazurka, in un processo elaborativo estremamente raffinato.

Alcuni elementi sono per esempio: 

  • la ripetizione ostinata di alcune formule ritmico-melodiche
  • l’utilizzo della modalità
  • l’uso del quarto grado aumentato
  • l’accentuazione dei tempi deboli della battuta. 

Caratteristico infatti è l’appoggio non sul primo quarto, ma sul secondo o sul terzo. 

La mazurka è la forma a cui Chopin si è dedicato di più in assoluto, infatti ne ha scritte addirittura 65, tutte con caratteri e stati d’animo molto diversi. 

3. Mazurka

Clicca qui se non vedi il pdf

Spero che questa lezione ti sia stata utile e ti sia piaciuto approfondire un po’ il repertorio chopiniano.

Informazioni sull'autore

Torna in alto

CORSO DEL MESE

Accompagna con i ritmi!

Scopri come accompagnare le tue canzoni preferite con facilità!

Cosa Troverai nel Corso?

  • 25 ritmi versatili per generi come pop, rock, blues e jazz/swing.
  • 27 video e 2 ore di lezione.
  • 58 basi per esercitarsi, 29 lezioni e 7 PDF.

Livello Principiante e Intermedio

CORSO DEL MESE

Domina le scale al pianoforte senza sforzo!

Dominare le scale al pianoforte è come avere una mappa musicale: indispensabile per chi inizia e cruciale per chi vuole esplorare nuove vette musicali.

Cosa Troverai nel Corso?

  • 86 video lezioni (3 ore) per imparare tutte le scale maggiori e minori in tutte le tonalità
  • 20 pdf per potenziare il tuo apprendimento
  • File audio, esercizi e consigli per impararle e memorizzarle per sempre.

Livello Principiante e Intermedio

CORSO DEL MESE

🌟 Trasforma il tuo Natale in un'esperienza jazz indimenticabile!

Vivi la magia del Natale con un tocco jazz! 

Scopri il nostro corso “Natale Jazz” e impara a suonare i classici natalizi con uno stile raffinato.

Cosa Troverai nel Corso?

  • 20 video lezioni piene di ispirazione e dettagli tecnici.
  • Spartiti unici per jazzificare i tuoi brani natalizi preferiti.
  • Tecniche per personalizzare ogni pezzo e renderlo speciale.

Perfetto per pianisti di livello intermedio che desiderano aggiungere un tocco jazzistico al loro repertorio festivo.

NUOVO CORSO!

Tecniche di accompagnamento iconiche al pianoforte

Diventa maestro dell’accompagnamento al pianoforte! Unisciti al nostro corso e impara a reinterpretare i classici, creare arrangiamenti unici e dare vita alle tue canzoni preferite

Con 4 ore di lezioni, 17 sessioni pratiche e risorse digitali comprensive, ti aspetta un viaggio musicale che affinerà la tua tecnica e espressione artistica. 

Iscriviti ora e inizia a suonare con stile!