Applicazione dei left-hand voicing agli standard in tonalità maggiore

Ora è il momento di iniziare ad applicare sugli standard questi left-hand voicing. Avendo visto solo quelli derivati dalla tonalità maggiore serviranno brani maggiori quindi ecco una lista di standard che puoi studiare:

  1. Four
  2. But Not For Me
  3. In A Mellow Tone
  4. Night And Day
  5. Misty

Four

In questa lezione vedremo insieme il primo cercando di creare un buon metodo di studio applicativo.

 

Vediamo gli obiettivi importanti:

  • Imparare a “improvvisare” la scelta dei LHV, non usare sempre gli stessi
  • Suonare i LHV nei 2-5-1 con il “voice leading” (Concatenazione delle voci)
  • Alternare bassi a LHV
  • Suonare solo con LHV
  • Accompagnare a due mani con LHV con i bassi o walkin’ bass con la mano sinistra
  • Memorizzare una versione efficace del brano pronta all’uso

So che tutto questo può far girare la testa e rinunciare prima ancora di iniziare. La verità è che è tanta roba, troppa roba, talmente tanta che quando ti accorgi che l’hai imparata davvero ti sei già dimenticato di come hai fatto e voglio farti raggiungere lo stesso risultato.

Il primo passo è quello di mettersi l’anima in pace. Non riuscirai a imparare tutto in un colpo solo, bisogna digerire le cose un po’ alla volta quindi cominciamo con qualcosa di semplice e poi proseguiamo. Naturalmente se hai già svolto gli esercizi visti prima sarai già a buon punto ma non serve affrettarsi.

Naturalmente i LHV sono un passo intermedio quando si suona uno standard nuovo. Ricordati di imparare la melodia, gli accordi principali a memoria e improvvisare qualcosa con la forma più semplice e gli shell voicing prima di applicare i LHV. 

15 Passi per applicare i “Left-hand Voicing” agli standard jazz

  1. Individua la tonalità e la forma del pezzo
  2. Evidenzia tutte le progressioni 2-5-1
  3. Evidenzia tutti gli accordi di tonica (primo grado)
  4. Evidenzia altre progressioni armoniche comuni (quinte in cascata, 2-5 ripetuti, 1-6-2-5, blues
  5. Comincia suonando senza tempo i 2-5-1 (completi o parziali) che ci sono nel pezzo usando le modalità viste nel corso. Usa la destra per i LHV e la sinistra per i bassi.
  6. Suona il LHV nella posizione migliore per il primo accordo di tonica che trovi. (Qui risolveremo le tensioni e l’accordo dovrà suonare bene). Usa sempre la destra.
  7. Partendo dal primo accordo trova il LHV più vicino alla posizione dell’accordo di tonica che hai analizzato prima.
  8. Procedi un accordo alla volta collegando le voci nel modo migliore possibile. Alterna i vari voicing tra “tipo A” e “tipo B” assicurandoti che lo spostamento sia minimo. Se incontri un 2-5-1 usa la posizione più vicina e comoda tra quelle studiate prima.
  9. Quando hai trovato tutti i LHV è il momento di memorizzarli come se fossero scritti su spartito (meglio scriverli se possibile, usa software gratuiti come Musescore)
  10. Ora inizia a suonare a tempo, tieni ogni accordo per tutta la sua durata, non ritmare nulla.
  11. Applica uno o più ritmi, divertiti a improvvisare (ricordati che stai suonando gli accordi con la destra). Se preferisci usa anche la base con basso e batteria senza preoccuparti dei bassi raddoppiati.
  12. Ripeti tutto dal punto 10 usando solo la mano sinistra senza le fondamentali.
  13. Prova ora a suonare a tempo la melodia con la mano destra mantenendo i left hand voicing con la sinistra senza nessun ritmo particolare.
  14. Ora pensa ad un ritmo, rispetta gli stacchi del brano, gli accenti più importanti e i vuoti della melodia per riempire in modo efficace. Questa volta è meglio scrivere per fissare nella mente qualche punto chiave.
  15. Ora che hai una versione del brano con l’accompagnamento con i LHV scritto imparalo a memoria, sarà il tuo punto di riferimento.
  16.  

Ricorda che questo è uno studio, non sei costretto a usare sempre lo stesso stile di accompagnamento ma è importante avere una traccia da seguire. Ora puoi divertirti a improvvisare con questi voicing e provare a fare un piccolo assolo con la mano destra.

Userai questo modo di suonare quando sarai in duo con un contrabbassista o in formazioni più ampie. Nella prossima lezione vedremo come usarli in piano solo.

I left-hand voicing in “piano solo”

Pensare di usare questi voicin solo quando abbiamo il supporto degli altri musicisti è limitante. In realtà vengono utilizzati moltissimo in piano solo, sono fondamentali.

 

Il pianoforte è quello strumento che può svolgere in contemporanea moltissimi ruoli contemporaneamente perciò possiamo svolgere tranquillamente il ruolo di bassista e accompagnatore contemporaneamente con una sola mano (la sinistra).

 

Per fare questo ci avvaliamo di altre tecniche che abbiamo visto in altri corsi come quello sugli shell voicing, se non li conosci è meglio mettersi in pari.

 

Ecco alcuni esercizi e tecniche che puoi utilizzare per combinare questi due tipi di voigin:

  1. Alterna fondamentale a LHV con la mano sinistra
    1. Attenzione alla durata dell’accordo (4/4, 2/4, ¼) e calibra bene il tempo che hai a disposizione
    2. Scegli un ritmo di accompagnamento adeguato, non suonare sempre in battere
    3. Segui accenti e andamento della melodia o del tuo assolo
  2. Alterna lo shell voicing 1-7 al LHV
  3. Alterna lo shell voicing 1-3 (o 1-10) al LHV

 

Questo metodo è puramente a scopo didattico. Un pianista jazz può passare facilmente da una tecnica ad un’altra con molta facilità adattandosi al registro, lo stile, l’ispirazione e tantissimi elementi. 

Puoi suonare un’intera sezione solo con bassi e melodia e arricchire l’accompagnamento con calma costruendo il tuo arrangiamento oppure partire da un arrangiamento con accordi molto pieno a due mani e svuotarlo un po’ alla volta.

Il miglior consiglio che posso darti è di sperimentare e scrivere gli arrangiamenti, è l’esercizio migliore possibile sia per fissare i concetti che aumentare il tuo repertorio. Anche se il jazz è musica improvvisata non puoi lasciare tutto al caso. Perciò abituati a salvare le tue idee e soluzioni.

Più ascolti musica e provi a riprodurre le stesse tecniche dei grandi che ascolti più sarà facile migliorare.

Torna su