fbpx

A Little Song – Andantino (A. Khachaturian) – Presentazione

Siamo nel 1947 quando viene pubblicato il suo Album for Children, ma il primo pezzo che appare nella raccolta risale al 1926, quando il giovanissimo Khachaturian si era appena trasferito a Mosca per studiare violoncello e composizione.
Khachaturian è nato in Georgia, ma le sue origini sono armene e, nonostante il suo successo sia andato ben oltre l’Unione Sovietica, ha sempre mantenuto un fortissimo attaccamento al suo paese d’origine. Oggi è ricordato come il più grande compositore armeno.

Compose molta musica orchestrale, balletti, diversa musica per pianoforte e molto famosi sono i tre concerti per solista e orchestra, per pianoforte, violino e violoncello. Il concerto per pianoforte op.38 è stato praticamente il biglietto da visita per farsi conoscere e apprezzare nel mondo occidentale.

La musica di Khachaturian risente molto della cultura armena e potrebbe risultare lontana a noi occidentali, che facciamo più fatica a comprenderla – non a livello psicologico, quanto piuttosto a livello emotivo, proprio per un semplice fattore culturale e d’abitudine.
Ma si tratta di musica fruibilissima, con i temi ricchi di folklore e le armonie orientali tanto complesse quanto accattivanti. Per non parlare dei ritmi vorticosi e travolgenti che ci conquistano.

 

Khachaturian aveva appena 23 anni quando ha composto il brano che lavoreremo insieme.
Si tratta di un pezzo molto cantabile, l’armonia crea un’atmosfera sospesa e un accompagnamento stabile e inesorabile sostiene la melodia lirica e più libera.

Il pezzo è scritto in DO minore, ma si toccheranno diverse tonalità: troverai quindi molte alterazioni  a cui dovrai prestare particolare attenzione perché un solo bemolle mancato può cambiare completamente il significato e il sapore di una frase.

La mano sinistra accompagna inizialmente con bicordi regolari da un quarto, mentre nella ripresa avremo una nota tenuta e una sincopata; la mano destra porta un tema con pochi salti e note prevalentemente per moto congiunto, che viene riproposto più volte in modi differenti.

Poi ti spiegherò tutto nel dettaglio!

Torna su